I versi, dunque, sono la mia fortezza

I miei versi sono la profondità e la trasparenza che molto spesso eclisso
Cerco di mostrarmi felice e spensierata, più forte di un macigno e velata da un’innoqua superbia
Un po’ perché lo sono davvero, un po’ perché a nessuno importa lo scompiglio che si ha nell’animo
La sera tardi, tuttavia, quando l’unico rumore afferrabile è la pesantezza dei mille pensieri frastornati
Stilarli con l’intento di restituirli chiarezza diventa vitale
A dire la verità sono fragile quanto il prossimo e provo ancora poca amorevolezza per le mie deformità
Il lacunoso amor proprio lo ricopro eseguendo piccoli rituali, sperando che un giorno diventino concretezza
Poi c’è da dire che piango tanto, ma spesso per giocosità
Cosicché, quando c’è da patire veramente, non ho abbastanza sorsi da versare
D’altronde, tutti quanti vorremmo sembrare impenetrabili agli occhi stranieri
E a volte cerchiamo riparo in qualcosa che ci fa manifestare l’interiorità, per poi ritornare roccia
I versi, dunque, sono la mia fortezza: mi permettono di abbracciare le mie perplessità e investirle in creatività
Senza affidarle a nessuno.

© living in verses

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s